[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

No Subject



AUTORE: Giulio Verne
TITOLO: Un capitano di quindici anni
EDITORE: Editrice Boschi
ALUNNO/A: Nalotto Laura
CLASSE: 2
SEZIONE: C
SCUOLA: SMS Guido Guinizzelli  N. tel. 0429-72582  FAX 0429-783294
COMUNE: Monselice
DATA: 27/3/2000
RECENSIONE
Il romanzo tratta di un ragazzo di quindici anni, Dick Sand, il quale si
imbarca
sul Pilgrim, uno dei piu' attrezzati brigantini, per raggiungere San
Francisco,
dove avrebbe dovuto consegnare il suo carico d'olio di balena. Durante la
navigazione, a bordo vengono accolti cinque naufraghi negri che aiuteranno
Dick
Sand a guidare la nave.
A questo punto il racconto si fa piu' emozionante, avventuroso, perche'
pieno
di imprevisti. Il capitano infatti e gli altri marinai moriranno cercando di
catturare la balena per completare il loro carico d'olio.
Oltretutto la nave sara' dirottata in Africa da Negoro, il cuoco cattivo a
cui interessava la cattura dei negri, per venderli poi agli europei.
E' il triste periodo della tratta degli schiavi quello in cui si svolge la
storia. Giunti in Africa e fatti prigionieri, i superstiti dovranno
affrontare
una continua corsa per sfuggire alla morte. Durante il viaggio verra'
svelato
anche il mistero delle due iniziali "S.V." che Dingo, il cane fatto
imbarcare
sul Pilgrim, portava al collare.
Molte volte sembra data per scontata la morte dei personaggi, che poi, con
un atto eroico, riescono a cavarsela nel migliore dei modi.
E' un libro adatto a tutte le eta', anche ai ragazzi che amano l'avventura e
il brivido di essere legati alla vita per un filo.
Dal racconto traspare un messaggio significativo, infatti non ci si dovrebbe
mai scoraggiare nemmeno nelle situazioni piu' estreme, ma affrontarle
coraggiosamente. Durante la lettura mi sono sentita coinvolta ed entusiasta,
anche perche' il linguaggio e' scorrevole, le avventure narrate avvincenti.
Ho trovato questo libro nella biblioteca di mio padre, che mi ha
consigliato di leggerlo. Ero perplessa, ma ora posso dire che l'abito o
meglio
la copertina non fa il libro.